FORZA. STRENGHT

Screen Shot 2018-09-24 at 21.46.19

I thought that the marathons depend on the training but really how you get up in the morning. And so the morning in Berlin I woke up fucking well. I looked at myself in the mirror and smiled sweetly.

It was a great race. I’m happy with myself. The marathon filled me with happiness. It is a race with yourself only and it teaches always something. It does not give you a happiness that lasts two days. It remains in the memories of your body and your soul and your mind.

I ran in progression. I tried to feel my sensations. Without stopwatch. Looking at the mileage and the peace makers who actually have confused me because there was more than one for 4 hours, more than one for 3.45 and so on. And just that often there were so many people that it was difficult to move smoothly. And even at the food and drink stations, we were stuck a little. In short, almost the same number of participants of New

2

Berlin

York Marathon but with narrowest streets therefore more congested. The entertainment was very alive and amazing. The last 4 km seemed endless. At times I wanted to stop but then motivated me that stream of people that continued to run with all the strength and possible determinations. And I told myself it’s all psychological, Gaia! Those 4 km from 26k to 30k went away well … why these last 4k from 38k to 42k seem endless? So I thought Gaia, when you started this race you had to run 42k. Now it’s just 4k, just 4 fucking kilometers !! And nothing, the head is incredible!

Towards the arrival ..

1 As I reached the finish line, I had the first moment of great emotion because I understood in the depths of me and my race, the reason why the western world created these races. It is true there is so much business, money, economy around these events. But under this facade there is fucking more, much more: it is the desire of the human being to challenge their own limits. God! That’s awesome and it links all the human race.

2 Cut the finish line I thought ‘I’m alone’. So, I came out with this simple and real thinking without much explanation. It is about the human condition of arriving alone and leaving alone from this earth (and at the marathon).

3 After the race I approached a participant who had the mobile on his hand and I asked him to see my marathon time on the app and he said: ‘damn, congrats! You finished it in 3:30’ What? 3:30? I could not believe. At this point I started crying for 20 minutes. It was beautiful liberating exciting full of energy. Fuck, I overcame myself.

Screen Shot 2018-09-24 at 21.59.28

I run the previous two marathons in the comfort zone but the big bro inspired me in pushing me further, pulling, making effort and going beyond the limits. And even Marwan kept telling me before the marathon “push to the limit” and he made me listen to the song of Sia, Unstoppable, who was stuck in my mind as a motivation song before the marathon. I have not really gone to the limit. But a huge joy. A great emotion. The satisfaction of not having stopped at the comfort zone but to let the pulsations rise, to increase the breathing. In doing this I had to trust myself completely. That my legs would not stop suddenly. And count on the total, empty and free presence of my head in those three and a half hours. During this marathon I understood that no thought in the end can make one rejoice or grieve, in the marathon as in life. And just standing with that emptiness in the mind and the action in the running, I felt physically very well with clear mind. I needed to run this third marathon to start understanding what it means to run a marathon. Push to the limit. Go beyond. To dare. Challenge yourself. To struggle. Having a sore leg for at least a couple of days. Follow your personal dream for yourself and that’s it. As Eliud Kipchoge said at the ceremony that same day he made the world record of 2.01.39. So much admiration for this man and for the whole Kenyan team that trains together and hard in Africa. And these his words:

Screen Shot 2018-09-24 at 21.40.16

– MARATHON IS LIFE. AND ITS NOT ABOUT THE LEGS. BUT ITS ABOUT THE HEART AND MIND

– IN LIFE THE IDEA IS TO BE HAPPY. SO I BELIEVE IN CALM, SIMPLE. LOW PROFILE LIFE. YOU LIVE SIMPLE, YOU TRAIN HARD, AND SO YOU LIVE A HONEST LIFE. THEN YOU ARE FREE

– IF YOU CAN NOT RULE YOUR MIND, IT CAN RULE YOU SO I TELL MY MIND THAT I CAN BE ABLE TO DO THIS THING. AND I WILL DO THIS THING

– THERE IS A FORMULA IN OUR TRAININGS: 100% OF ME IS NOTHING COMPARED TO 1% OF THE WHOLE TEAM

During the race my Emilie was integrated in me. She was in me. She was me. I was in her. I was her. Like a fusion of bodies and souls. Mum’s love.

20180917_175619

Berlin

It was an international week this of the marathon. I stopped in Milan, then Berlin, again Milan and Vicenza. I saw my friend Marwan from Dubai for a few days, Elena and Yuri from Livigno, Mehmed – a new Turkish friend and in Vicenza my French friend Patricia whom I had not seen since London times. It was wonderful to see them all again. [Here are some pictures] God, my heart is filled with joy. When I am exposed to more cultures and the simplicity of the heart. Then I feel connected to the whole world, I feel understood, I feel open, I feel enriched, I feel young, I feel light, I feel free. I would like to feel like that every day of my life.

I start to see a bit of light in my life .. slowly. With caution. After two years..

[Happy bday today to my daddy, a former marathoner too]

20180916_153048

Berlin

Ho pensato che le maratone dipendano si dall’allenamento ma davvero come ti alzi il mattino stesso. E così la mattina di Berlino mi sono svegliata fottutamente bene. Mi sono guardata allo specchio e mi sono sorrisa dolcemente.
E’ stata una bella gara. Sono contenta di me. La maratona mi ha riempito di felicità. E’ una gara con te stessa e basta. E insegna sempre qualcosa. Non dà una felicità che dura due giorni. Rimane nelle memorie del tuo corpo della tua anima della tua mente.

Ho corso in progressione. Ho provato ad andare a sensazioni. Senza cronometro. Guardando il kilometraggio e i peace makers che in realtà mi hanno confuso non poco le idee perchè ce n’era più di uno per le 4 ore, più di uno per le 3.45 e così via. E solo che spesso c’era talmente tanta gente che era difficile muoversi in scioltezza. E anche ai ristori ci si bloccava un po’. Insomma, quasi lo stesso numero di partecipanti di New York ma le strade più strette quindi più congestionate. L’intrattenimento molto vivo e fantastico.

Gli ultimi 4 km mi sono sembrati infiniti. A momenti volevo fermarmi poi però mi ha motivata quella fiumana di gente che continuava a correre con tutta la forza e la determinazione possibili. E mi dicevo dai, è tutto psicologico, Gaia! Quei 4 km dai 26 ai 30 andavano via benone…perchè questi ultimi 4 dai 38 ai 42 mi sembrano infiniti? E allora pensavo Gaia, quando sei partita ne dovevi fare 42. Ora sono 4, sono solo 4, cazzo!! E niente, la testa è incredibile!

Verso l’arrivo..

1 Mentre arrivavo al traguardo ho avuto il primo momento di grande emozione perchè ho capito nel profondo di me e della mia corsa, il motivo per cui il mondo occidentale ha creato queste gare. E’ vero c’è tanto business, soldi, economia intorno a queste manifestazioni. Ma sotto questa facciata c’è di più cazzo, molto di piu: è il desiderio dell’essere umano di sfidare i propri limiti. Dio! E’ fantastico e lega tutta la razza umana!

2 Tagliato il traguardo ho pensato ‘sono sola’. Così. M’è venuto sto pensiero semplice e vero senza tante spiegazioni. Questa condizione umana di arrivare soli e andarsene via soli da questa terra (e alla maratona).

3 Finita la gara mi sono avvicinata a un’altro partecipante che aveva il telefono in mano e gli ho chiesto di vedere il mio tempo sull’app e lui: ‘cazzo complimenti hai fatto 3:30’
Cosa? 3.30? Non ci potevo credere. Ecco, lì ho iniziato a piangere per 20 minuti. E’ stato bello liberatorio emozionante pieno di energia. Cazzo, ho superato me stessa.

Screen Shot 2018-09-24 at 22.09.58

Le due maratone precedenti le ho fatte stando nella comfort zone ma il big bro mi ha ispirato nello spingermi piu in là, nel tirare, fare fatica e andare oltre i limiti. E anche Marwan mi ha continuato a dire prima della maratona “push to the limit” e mi ha messo in testa la canzone Unstoppable di Sia come canzone per motivarmi prima della gara. Non sono proprio andata al limite. Ma una gioia enorme. Un’emozione grande. La soddisfazione di non essermi fermata alla comfort zone ma di lasciare alzare le pulsazioni, fare incrementare il respiro. Nel fare questo ho dovuto fidarmi di me stessa in modo completo. Che le mie gambe non si sarebbero fermate d’improvviso. E contare sulla presenza totale, vuota e libera della mia testa in quelle tre ore e mezza.

Durante questa maratona ho capito come nessun pensiero alla fine possa far gioire o rattristare, nella maratona come nella vita. E’ stando con quel vuoto nella mente e nell’azione del correre che mi sentivo fisicamente benissimo e pulita di testa.
Mi è servita la terza maratona per iniziare a capire cosa vuol dire fare una maratona. Spingersi al limite. Andare oltre. Osare. Sfidare se stessi. Fare fatica. Avere mal di gambe per almeno un paio di giorni.
Seguire il tuo sogno personale per te stesso e basta. Come ha detto la sera stessa alla cerimonia Eliud Kipchoge che proprio quel giorno ha fatto il record mondiale di 2.01.39. Tanta ammirazione per quest’uomo e per tutto il team keniano che si allena insieme duramente in Africa. E queste le sue parole:

  • Screen Shot 2018-09-24 at 22.14.32LA MARATONA È VITA. E NON RIGUARDA LE GAMBE. MA IL CUORE E LA MENTE.
  • NELLA VITA, L’IDEA E’ DI ESSERE FELICI. COSÌ CREDO IN UNA VITA CALMA, SEMPLICE E DI BASSO PROFILO. VIVI SEMPLICE, ALLENATI DURO, E VIVI UNA VITA ONESTA. POI SEI LIBERO.
  • SE NON PUOI COMANDARE LA TUA MENTE, TI PUò ‘DIRIGERE. COSì IO DICO ALLA MIA MENTE CHE POSSO POTER FARE QUESTA COSA. E LA FARO’.
  • C’È UNA FORMULA NEI NOSTRI ALLENAMENTI: IL 100% DI ME NON E’ NULLA RISPETTO ALL’ 1% DI TUTTO IL TEAM

Durante la gara è come se la mia Emilie fosse integrata in me. Era in me. Era me. Ero in lei. Ero lei. Come una fusione di corpi ed anime. Amore della mamma.

20180919_182914

Vicenza – Patricia

E’ stata una settimana internazionale questa della maratona. Ho fatto tappa a Milano, poi Berlino, ancora Milano e Vicenza. Ho rivisto il mio amico Marwan di Dubai per qualche giorno, Elena e Yuri di Livigno, Mehmed – un nuovo amico turco e a Vicenza la mia amica francese Patricia che non vedevo dai tempi di Londra. E’ stato bellissimo rivederli tutti.

[Ecco qualche foto] Dio, il mio cuore si è riempito di gioia. Quando sono esposta a più culture e alla semplicità del cuore, mi sento in connessione con tutto il mondo, mi sento capita, mi sento in apertura, mi sento arricchita, mi sento giovane, mi sento leggera, mi sento libera. Vorrei sentirmi così tutti i giorni della mia vita.

Inizio a vedere un po’ di luce nella mia vita..piano piano. Con cautela. Dopo due anni..

[Oggi buon compleanno a papà, ex maratoneta pure lui]

2 thoughts on “FORZA. STRENGHT

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s