Let’s start from Central Asia: the STANs. Iniziamo dal Centro Asia: gli STAN

jaiselmer_registan750Alone towards the Stans. Central Asia. Stans as Lands. Starting from the first four: Uzbeki-Stan, Tajiki-Stan, Kazakh-Stan, Kyrgyz-Stan.

Low season. No tourists. A very nice and intense trip. Without stopping. Just for rest. Winter. Cold but not too cold. Pamir Highway unfortunately not accessible. Daily change of plan. Planes are not always operating due to the atmospheric conditions of the sky. 

Few simple things and small moments were filled with joy in this ten-day exploration. Maybe after all this is the sense of the journey.

  • I meet on the plane an Uzbek guy from Samarkand who shows me his beautiful city
  • The taxi driver invite me to stay with his family, sleep and eat with them on Lake Issykul
  • The hours and hours spent on shared taxis – a few words, a few jokes, gestures, laughter, smiles, the taxi driver who eats some seeds, the local music, the stop on the mountain pass to have lunch together
  • The lux hotels – luxury of maybe some decades ago
  • Schermata 2016-01-24 alle 13.52.40The crossing of the Tajik-Uzbek border – Sunday. So no one on the boarder. Waiting for about an hour and a half – first I had to wait for the official that makes the stamps on passports that is having lunch. Then I wait for another half hour the girl who has to scour me since she is having lunch too. Well, if you are in hurry, just stop and stand still. Once I reach the border I do not have any certainty of finding a taxi to take me to the airport.
  • But here is the taxi drivers who assail me in any place imaginable
  • Respect for the traveler in Samarkand. The help. On Sunday I can not withdraw money. The hotelier pay me in advance the taxi once I arrived.
  • The person to whom I ask for information that becomes suddenly ten people
  • When I say I am from Italy, people lights up and greets me starting to mention Celentano Toto Cotugno Mafia Del Piero Pirlo Berlusconi
  • Local people with gold teeth, coat, beret or fur hat
  • People ask me where is my husband, if I had been married before, where are my children
  • The keepers of the bathrooms when they see me get into the ladies room, they yell to get into that of men
  • The beauty of Bukhara with its mosques, its minarets and its carpets makes me dream and projects me in the Middle East.
DSC00697

My Trip Plan

During this trip I have always found myself among many men. Also because women engaged primarily in the houses and I saw them mainly to markets and shops. Men are so many and they scream and you get them all together that you almost feel suffocated. It ‘s the way they do, nothing to worry about. In India the same. And in Morocco, Azerbaijan, Lebanon and other places I’ve been before. I start talking to one. Maybe just to ask for information. To know the direction. Maybe because I wanna go there by foot. No way. Within minutes one man have become ten people. You’re surrounded. Everyone thinks about how to do his business. Taxi. Accommodation. Restaurant. Money exchange. They look at you and think about what business can do with that $ 50 in your pocket.

Sometimes you are annoyed. Sometimes you have fun instead to negotiate. And indeed learn to negotiate. Eventually they laugh or look at you in a strange way because maybe it is not common that a woman gets to “talk about business”.

In all the Stans people use the taxi, exactly shared taxi. And every car is a taxi. It is an extremely important if not crucial vehicle of mobility. I caught several of them. For a few hours or 6 to 12. Together with you three or four people. So you pay less (very little!) But even the minibus are many and well organized.

Sometimes in the Stans I thought I saw the steps, back and forth, more or less, large or small, towards modernization and progress.

Modern society is considered to be advanced and cultured, but it is not genuine [from “Living with the Himalayan Masters” Swami Rama]

keep-calm-and-don-t-stop-me-now-16And I wonder why we want to organize ourselves so good? Why do we want to be so well organized? Even our head has become squared by dint of following patterns, rules etc. Ok for God’s sake … it would be a big mess … but it is beautiful… Every time I find it cool that everything is totally in the hands of improvisation and flexibility.

As for capital cities, I have the impression that in these cities the model is Dubai. The center does not really exist. Next to the “old” are emerging modern and beautiful buildings for any governmental function. They seem empty and a bit useless. In reality in the coming years will be fully operational. Or at least it looks like. The contrast is pretty strong between the modernity of the architecture and the people who has little to do with modernity.

In particular in Uzbekistan, the major cities like Bukhara, Khiva and Samarkand are ancient cities and important assets. They are already tourist destinations and I have the feeling they will become like Venice, Rome and Florence in Italy. In a few years they will be assaulted by tourists. And Tashkent will become a center rich as Dubai.

This what I thought when I was turning there. It looks like to see a shift in the economy and development. From West to East. Not only the Stans, but many other large and small countries in this part of the world. Maybe it’s just an utopia. Or perhaps it is reality.

The fact is that, even if the population does not seem t, all these states are rich in resources – natural, mineral. Over many years Russia, China, the United States and other powers are keeping the eyes on them.  The local governors have the maximum power and the level of corruption is really high. And I have perceived among the various Stan a bit of conflict and non-total sympathy.

Schermata 2016-01-24 alle 15.26.10The military has an incredible power. In fact, people complain that the money goes to them instead of to the people.

These places make strong and prepared for travelling the rest of the Stans and the Middle East. It is important here to get used to the perception of the “western tourist” and the woman. Also to get use to certain ways to interact. In every situation and in every new environment you have to re-invent yourself. You have to shape yourself. Be always careful. You have to learn and invent strategies of defense. You have to let prevail good energy and tranquility. Here we are when I talk about an intense journey, exhausting, tiring, where you have to put a lot of energy. But nice for this.

One thing is quite clear . You can not afford to show you are fragile or insecure . You must always appear strong , determined and above all that you know exactly where you are going . Even if is not.

And you know you do it for a purpose. To explore and discover. To know new cultures, new places. You do it for those moments of deep joy. But you do also to challenge you and make you stronger and ready for the next trips. And not just for the next trips.

910dd5472986e9b1c0bbb00d403df88bAnd the moment when you realize that what you are doing you are doing it for you. That you do not compare yourself to others. That you choose those places for a reason. You’re traveling that way and not in another because you’ve decided that it’s okay for you.

During my trip I felt close to Afghanistan. And actually I was just physically close, a few kilometers to the border . I feel close to this small country and to what it has had and is still passing. This has happened due to the enormous amount of mineral resources such as natural gas, gold and petrol and a huge  presence of oppium.

And a special thought for the women who in recent years have unfortunately had some sort of opposite phase to the development and emancipation. In the image is quite clear . Unfortunately this is happening also in other countries.

I close with a very beautiful phrase that comes exactly from Kabul :

Don’t let the world’s fear hold you back from experiencing it

– 

TvyamNb-BivtNwcoxtkc5xGBuGkIMh_nj4UJHQKuorwaKUbIYwvCEDGrcthgLBczxVXRbeVAUqhxhgDa sola verso gli Stan. Asia Centrale. Stan come Terre. Iniziando dalle prime quattro: Uzbeki-Stan, Tajiki-Stan, Kazakh-Stan, Kyrgyz-Stan.

Bassa stagione. Nessun turista. Un viaggio molto bello e intenso. Senza mai fermarsi. Se non per riposare. Inverno. Freddo ma non troppo. Pamir Highway non percorribile purtroppo. Cambi quotidiani di programma. Aerei non sempre operativi date le condizioni atmosferiche del cielo.

Poche cose semplici e piccoli momenti mi hanno riempita di gioia in questa decina di giorni di esplorazione. Forse dopotutto è proprio questo il senso del viaggio.

  • L’Uzbeko di Samarcanda che incontro sull’aereo e mi mostra la sua bellissima città
  • Il taxista che mi ospita a dormire e mangiare con la sua famiglia sul lago Issykul
  • Le ore e ore passate sui taxi condivisi – poche parole, poche battute, gesti, risate, due sorrisi, il taxista che mangia semi di non so che, la musica locale, la sosta sul passo di montagna per pranzare tutti insieme
  • Gli hotel “lux” – lusso si, magari di qualche decina di anni fa
  • HOG6846_kidsL’attraversata del confine Tajiko-Uzbeko – di domenica. Dunque nessuno in viaggio. Attesa di circa un’ora e mezza – prima aspetto quello che fa i timbri ai passaporti che è in pausa pranzo. Poi aspetto un’altra mezz’ora la tipa che mi deve perlustrare perchè anche lei è a pranzo. Della serie se hai fretta, fermati e mettiti tranquillo. Arrivo aldilà del confine senza nessuna certezza di trovare un taxi che mi porti all’areoporto
  • Ma ecco i taxisti che mi assalgono in qualsiasi posto immaginabile
  • Il rispetto per il viaggiatore a Samarcanda. L’aiuto. E’ domenica e non riesco a prelevare. L’albergatore mi paga in anticipo il taxi col quale sono arrivata.
  • La persona a cui chiedo informazioni che diventa impovvisamente dieci persone
  • La gente che appena dico Italia si illumina e mi accoglie iniziando a dire Celentano Toto Cotugno Mafia Pirlo Del Piero Berlusconi
  • La gente locale con i denti dorati, il cappotto, il baschetto o il cappello di pelliccia
  • La gente che mi chiede dove sia mio marito, se fossi stata sposata prima, dove sono i miei figli
  • Le custodi dei bagni che appena mi vedono entrare nel bagno delle donne mi urlano di entrare in quello degli uomini
  • La bellezza di Bukhara che con le sue moschee, i suoi minareti e i suoi tappeti mi fa sognare e mi proietta nel Medio Oriente.
Il mio programma iniziale

Il mio programma di viaggio

Durante questo viaggio mi sono sempre trovata tra tanti uomini. Anche perchè le donne si occupano soprattutto del focolare e le vedevo soprattutto ai mercati e nei negozi. Gli uomini sono tanti e urlano e ti arrivano addosso tutti insieme che quasi ti senti soffocare. E’ il loro modo di fare, niente di preoccupante. In India uguale. E anche in Marocco, Azerbaijan, Libano e altri posti che ho visitato prima. Parli con uno. Magari devi semplicemente chiedere un informazione. Per sapere la direzione. E per andarci a piedi. Niente da fare. In pochi minuti sono diventate dieci persone. Sei circondata. Ognuno pensa a come fare il suo business. Taxi. Alloggio. Ristorante. Cambio valuta. E chi più ne ha più ne mette. Ti guardano e pensano a che business possono fare con quei 50 dollari che hai in tasca.

A volte sei scocciato. A volte invece ti diverti a negoziare. E anzi impari a negoziare. Alla fine ridono o ti guardano in maniera strana perchè forse non è comune che una donna si metta a “parlare d’affari”.

Tutti negli Stan usano il taxi, taxi collettivo. E ogni macchina è un taxi. E’ un’importantissimo se non fondamentale mezzo di mobilità. Ne ho presi diversi. Per poche ore o per sei, per dodici. Insieme a te altre tre o quattro persone. Così si paga meno (molto poco !) Ma anche i minibus sono tanti e organizzati bene.

2614_targa_metallo_citazione_benito_mussoliniA volte negli Stan mi è sembrato di vedere dei passi, avanti e indietro, più o meno, grandi o piccoli, verso la modernizzazione e progresso.

La società moderna è considerata avanzata e acculturata, ma non è genuina [da “Vivere con i maestri Himalaiani” Swami Rama]

E mi chiedo perchè ci vogliamo organizzare così bene? Perchè siamo organizzati così bene? Anche la nostra testa è diventata quadra a furia di seguire modelli, regole ecc. Si per l’amor del cielo… sarebbe un gran casino….ma boh…che bello alla fine….Io ogni volta trovo fichissimo che tutto sia in mano all’improvvisazione e alla flessibilità più totali.

Per quanto riguarda le capitali, ho l’impressione che in queste città il modello sia Dubai. Il centro in realtà non esiste. Accanto al “vecchio” si stanno affermando moderni e bellissimi palazzi per ogni funzione governativa. Sembrano vuoti e anche un po’ inutili. In realtà nei prossimi anni saranno completamente operativi. Almeno così sembra. Il contrasto è bello forte tra la modernità dell’architettura e la gente che con la modernità c’entra poco niente.

In particolare in Uzbekistan le città principali come Bukhara, Khiva e Samarkanda sono città antiche e patrimoni importanti. Sono già mete turistiche e nei prossimi anni ho avuto la sensazione che diventeranno come Venezia, Roma e Firenze in Italia. Verranno in pochi anni assalite dai turisti. E Tashkent diventerà un centro molto ricco come Dubai.

Questo quel che mi è sembrato girando da quelle parti. Mi sembra di vedere uno spostamento dell’economia e dello sviluppo. Da Occidente verso Oriente. E come gli Stan, molti altri Paesi grandi e piccoli di questa parte di Mondo. Forse è solo un’utopia. O forse sarà davvero così.

Fatto sta che, anche se a vedere dalla popolazione non sembra, questi stati sono tutti ricchissimi di risorse – naturali, minerarie. Infatti da anni ci stanno addosso Russia, Cina, Stati Uniti e altre potenze. I governatori locali hanno il massimo potere e il livello di corruzione è alle stelle. E ho percepito tra i vari Stan un po’ di conflittualità e non-totale simpatia.
Schermata 2016-01-24 alle 15.57.17I militari hanno un potere incredibile. Infatti la gente si lamenta che i soldi vanno a loro invece che alla gente.

Questi posti corazzano e preparano per il resto degli Stan e per il Medio Oriente. Ti abituano alla percezione del “turista occidentale” e della donna, a certi modi di interagire. Fanno si che durante il viaggio in ogni situazione, in ogni nuovo ambiente tu ti re-inventi. Che tu ti plasmi. Che tu sia sempre attenta. Che tu impari e inventi delle strategie di difesa. Che tu faccia prevalere la buona energia e la tranquillità.

Una cosa è piuttosto chiara. Non puoi permetterti di mostrarti fragile o insicura. Tu devi sempre apparire forte, determinata e soprattutto che sai esattamente dove stai andando. ANche se non è così.

Ecco allora cosa intendo quando parlo di un viaggio intenso, faticoso, stancante, in cui ci devi mettere un sacco di energie. Ma bello proprio per questo.

E sai che lo fai per uno scopo. Per esplorare e scoprire. Per conoscere nuove culture e nuovi posti. Che lo fai per quegli attimi di gioia profonda. Ma lo fai anche per metterti alla prova e per renderti più forte e pronta per i viaggi successivi. E non solo i viaggi.

E’ il momento in cui realizzi che quello che stai facendo lo stai facendo per te. Che non hai paragoni e non devi superare nessuno. Scegli quei posti per un motivo ben preciso. Stai viaggiando in quel modo e non in un altro perchè hai deciso che va bene così per te.

Afghanistan-1967-2011Durante il mio viaggio mi sono sentita vicina all’Afghanistan. E in realtà lo ero proprio fisicamente, a pochissimi kilometri dal confine. Sono vicina per tutto quello che un Paese così piccolo ha dovuto e sta passando tutt’ora. Questo per la sua ricchezza inesauribile di risorse minerarie quali gas naturale, oro e petrolio ma anche per l’enorme presenza di oppio.

E un pensiero particolare alle donne che negli ultimi anni putroppo hanno avuto una sorta di fase contraria allo sviluppo e all’emancipazione. Come mostra l’immagine. Questo purtroppo sta succedendo anche in altri Paesi.

Chiudo con una frase molto bella che arriva proprio da Kabul:

Non lasciare che la paura del mondo ti trattenga dal viverlo

One thought on “Let’s start from Central Asia: the STANs. Iniziamo dal Centro Asia: gli STAN

  1. silvestriluca says:

    Grandissima!!!!!
    che bella esperienza!!! deve essere qualcosa di super intenso e forte!
    grande sorellina!!!

    baci

    Luca

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s